eCommerce +19% nel 2015

Questo il dato più importante presentato il 12 aprile a Milano durante la decima ricerca “eCommerce in Italia” di Casaleggio Associati.

Lo studio rivela una crescita più che raddoppiata per l’eCommerce in Italia durante il 2015 rispetto all’anno precedente, arrivando al 19% con un fatturato di quasi 29 miliardi di euro.
Questa spinta arriva soprattutto dai retailer esteri entrati in Italia e dai grandi marketplace come Amazon, che è il principale responsabile della crescita importante che ha visto il settore dei centri commerciali on line +55%.

crescita fatturato ecommerce

 

Nel 2016 le previsioni di crescita per settore sono più che ottimiste: il settore alimentare +35% grazie alla consegna del fresco, quello della salute, bellezza e cura del corpo + 40%,  e la moda +20%.

Il settore alimentare, uno dei  mercati più importanti, è cresciuto con ingenti investimenti pubblicitari nell’ultimo anno. Amazon Prime Now che offre la consegna del fresco farà forse ripartire gli investimenti, finora fatti quasi a titolo di esperimento, da parte della GDO, che potrebbe vedere come una minaccia alla stessa distribuzione tradizionale il modello di consegna in un’ora dall’acquisto.prospettive di crescita per settore

I trend del canale eC0mmerce per il 2016 sono individuabili in 5 macro aree:

  1. Mobile First: nel 2016 il mobile non è solo un canale di vendita aggiuntivo ma diventa la prima priorità nella strategia di eCommerce. “Mobile first”, in termini di design, ma soprattutto in chiave strategica per ripensare il processo d’acquisto secondo logiche differenti legate al device utilizzato.
  2. Grandi sempre più grandi: sono gli operatori più grandi che crescono maggiormente e che riescono a investire in advertising ed innovazione tecnologica.
  3. Pubblicità televisiva: nel 2015 e nel 2016 abbiamo avuto diversi esempi di brand e-commerce che hanno investito nella pubblicità televisiva per far conoscere il brand e sviluppare le vendite on line
  4. Sharing Economy: promuove forme di consumo basate sull’accesso e la relazione piuttosto che sul possesso. I settori che oggi risultano essere maggiormente coinvolti sono il turismo, i trasporti, i servizi professionali, il food, il wellness ed in senso più ampio lo scambio o il prestito di beni.
  5. Online Loyalty Program: favorire gli acquisti ripetitivi e alimentare la fedeltà dei clienti sono aspetti prioritari per la maggioranza dei merchant. I Loyalty Program, integrati alle app mobile, all’e-mail marketing ed ai social media, rappresentano uno sviluppo preso in considerazione da un numero sempre maggiore di operatori.

 

Seminario Gratuito: come aprire un eCommerce

Se ti interessa capire meglio come si apre un eCommerce, iscriviti al Workshop Gratuito
del 7 Giugno a Verona

 

 

Iscriviti al Workshop Gratuito