Il QR code (Quick Response Code), nato in Giappone nel 1994 spopola ora in tutto il mondo. E’ un codice a barre composto da moduli neri, bidimensionale a matrice di forma quadrata, ed è in grado di contenere molte informazioni. Un QR code può infatti contenere fino a 7.089 caratteri numerici e 4.296 alfanumerici.

Per leggere un codice è sufficiente disporre di uno smartphone. Molti sono i programmi di decodifica scaricabili gratuitamente. Una volta installato il programma, basta avviarlo e successivamente inquadrare il codice con la fotocamera. In pochi secondi sullo schermo vengono visualizzate le informazioni contenute all’interno del codice.

Questo strano quadrato che sembra quasi un errore di stampa è invece un potentissimo strumento di collegamento tra le cose e il web.

Immaginate di applicarlo sulle etichette dei vostri prodotti per fornire al vostro cliente informazioni importanti e sempre aggiornate su fasi di assemblaggio, manutenzione ed uso del macchinario che ha acquistato.

Oppure immaginate di fornire attraverso il menu del vostro ristorante tutte le informazioni utili su ingredienti, calorie e abbinamenti di vino per i piatti che proponete.

Potete anche utilizzarlo come buono sconto, o come voucher di prenotazione per un pacchetto vacanza venduto dal vostro sito.

E’ uno strumento semplice da utilizzare ma che può fornire servizi e informazioni utili ai vostri clienti.